Case a Monza: sempre più città, sempre meno Brianza

Il mercato immobiliare della provincia brianzola è sempre più “Monzacentrico”: questo è il dato che emerge in maniera chiara dalle indagini dell’anno solare da poco concluso. Infatti tutti gli indicatori convergono nella medesima direzione: il costo degli appartamenti, la ricerca della posizione, il rapporto città/provincia, la tipologia delle case trattate e persino la crescente inclinazione a rivolgersi alle agenzie immobiliari. Tutti questi dati sono in netta crescita se riferiti al mercato immobiliare della città e in calo se si rapportano a quelli della provincia. Il messaggio che sta mandando il mercato immobiliare è chiaro: Monza si avvia a diventare sempre più città e sempre meno provincia.

Questa nuova collocazione sul mercato proietta Monza in una realtà diversa, fatta di raffronti e proporzioni con i più importanti centri urbani della penisola, ad eccezione ovviamente delle metropoli. Infatti Monza con i suoi 119.856 abitanti (la provincia ne conta 860.000, stando al censimento del 2012) si colloca ormai stabilmente in quella fascia di città comprese tra i 100.000 e i 500.000 e dunque si apre al confronto con le maggiori realtà urbane del paese. Da una di queste comparazioni emerge per esempio che i prezzi medi degli appartamenti in vendita a Monza si attestano sui 2.200 euro al metro quadro. Un valore che corrisponde al 37% in meno rispetto a Firenze e al 119% in più rispetto a Reggio Calabria, che rappresentano rispettivamente il punto più alto e il punto più basso di questa scala speciale relativa ai centri tra i 100 e i 500 mila abitanti. Si evince dunque che Monza fa parte della “fascia alta” di questa graduatoria, una posizione destinata a crescere secondo il trend del mercato. Una crescita, come dicevamo, particolarmente accentuata se si rapporta il costo degli appartamenti della città con quelli della provincia. Infatti il prezzo medio degli appartamenti in vendita nella provincia di Monza-Brianza è di 1.800 €/mq, il 20% in meno rispetto alla città. La media della provincia è inferiore anche alla media della Regione Lombardia, i cui prezzi medi si attestano sui 1.950€/mq. La città di Monza ha invece prezzi superiori del 12% anche alla media regionale. A onor del vero precisiamo che la variazione media dei prezzi si è sostanzialmente stabilizzata negli ultimi 3 mesi, in cui ha riportato un leggerissimo decremento dello 0,27%. Un dato davvero insignificante se lo si raffronta con la crescita dell’ultimo anno solare.
Anche la tipologia degli immobili in vendita e in affitto sposa in pieno la linea di “centralizzazione” che stiamo descrivendo. Non è un caso ad esempio che il segmento che ha registrato il maggior apprezzamento percentuale è costituito dai “trivani” con quotazioni che hanno mostrato un incremento di oltre il 3% negli ultimi tre mesi. In crescita generale gli appartamenti (+0,80%) e in particolare gli attici (+1,73%), insomma tutti i “tagli” tipici del centro urbano. Dall’altra parte è stato vistoso il calo del valore degli immobili più tipicamente presenti nelle zone periferiche. In particolare i bifamiliari (-22,38%), le villette a schiera (-16,54%), i pentavani (-4,3%), le case indipendenti (-3,91%) e le ville in generale (-3,34%) hanno fatto registrare i cali più vertiginosi.
Ovviamente la crescita dei prezzi e delle trattative di vendita e affitto non è omogenea in tutta la città di Monza. Anzi le oscillazioni sono notevoli e vanno da prezzi medi inferiori ai 1.650 €/mq fino a oltre 2.700 euro. La zona più “trattata” è sicuramente il Centro Storico dove in questo momento sono presenti 2.134 annunci immobiliari tra affitti e vendite. Ma la zona più “cara” è quella dell’Ospedale San Gerardo dove il costo medio è addirittura di 2.450 €/mq.
Il Centro Storico vede una presenza di “annunci” superiore al 20% della media cittadina. In questo momento infatti in tutta la città di Monza sono presenti 10.012 annunci immobiliari, di cui 7.604 in vendita e 2.408 in affitto, con un indice complessivo di 83 annunci per mille abitanti. Gli oltre 10.000 annunci cittadini rappresentano addirittura il 16% dell’intera provincia di Monza e Brianza. E’ questa l’ennesima riprova del fatto che il mercato immobiliare monzese sia più che mai florido e vivace.
In questo ambito, come accennato nell’introduzione, si inserisce alla perfezione la crescente tendenza monzese di rivolgersi alle agenzie immobiliari per tutte le attività di compravendita o anche solo di consulenza nel settore.
In realtà non si tratta di una tendenza specificamente “monzese” ma è comune a tutta la regione e a tutto il paese. Nel biennio 2014-15 infatti, secondo i dati di Tecnoborsa, la rilevazione di settore ha segnato un importante massimo storico del numero di persone che sono “passate” per un’agenzia immobiliare. Se si considera chi ha venduto e chi ha acquistato il 61,3% degli interessati ha coinvolto un agente professionista nella sua compravendita. I “proprietari” di casa, quindi coloro che mettono in vendita il bene, sono sempre in numero superiore rispetto agli acquirenti, ma il divario tra le due categorie si sta riducendo ed è arrivato a un gap del solo 2,3%. Nelle interviste dei sondaggisti, alla richiesta di come sia stato “trovato” l’immobile, la modalità più citata resta sempre il caro e vecchio “passaparola”, benchè in calo del 10% rispetto agli anni precedenti. Al secondo posto si sono piazzate stabilmente le agenzie immobiliari, coinvolte peraltro anche nei processi di vendita e acquisto di chi aveva usato il passaparola per comprare o vendere l’immobile. Sempre meno persone si servono dei cartelli affissi sugli immobili e sui giornali. Stabile la performance degli annunci online. Ma anche in tutti questi casi, prima di comprare o di vendere, sempre più persone hanno preferito rivolgersi a un “professionista” per chiedere l’esatta e imparziale valutazione dell’immobile in questione. Anche questa percentuale nell’ultimo biennio è cresciuta del 20%.
Tra coloro che invece non hanno in nessun modo coinvolto un’agenzia immobiliare nel processo di compravendita, la ragione principale di questa scelta è stata quella relativa ai costi da sostenere, ritenuti spesso troppo alti. Ma anche questo dato è in calo, mentre è in crescita quello dei compravenditori che hanno ammesso di aver rinunciato al supporto di un’agenzia perchè non ritenevano “soddisfacenti” i servizi offerti. La morale quindi è: sempre più persone si rivolgono alle agenzie immobiliari, ma attenzione ai prezzi e soprattutto alla competenza e qualità dei servizi. Anche e soprattutto in una zona come Monza dove il mercato “tira” sempre di più.

Read the latest car news and check out newest photos, articles, and more from the Car and Driver Blog.